Bambino io, bambino tu.

orticola milano

In questo momento “Le dita nella torta” il mio primo libro per bambini edito Valentina Edizioni, fatto insieme a Maria Pia Angelini, illustratrice, è al Salone del libro di Torino.

Speriamo i bambini lo amino.

E’ un privilegio parlare ai bambini ed essere ascoltati da loro .

Ultimamente mi sono presa la briga di leggere un po’ di biografie di scrittori per bambini, italiani e sopratutto stranieri.

Hanno avuto tutti delle vite agitate, solitarie e con problemi relazionali.

Evidentemente per scrivere per bambini bisogna restarlo oppure ritornare a esserlo da grandi.

Domenica scorsa a Milano, ad Orticola il libro è stato  presentato ed è andato a ruba, giravano libri, giravano barattoli di miele, api finte e tante risate.

Gli occhi dei bambini spalancati sul mondo non finiranno mai di rallegrarmi, bisognerebbe ascoltarli  molto di più.

Ricordo il mio amico Augusto Daolio, mitico ed indimenticabile leader e fondatore del gruppo musicale “I Nomadi”, uomo intelligente e profondo sosteneva che un adulto, davanti ad un bambino, dovrebbe cercare di dimenticare tutto e camminare insieme a lui.

Cosa che, del resto fanno i genitori giovani, oggi invece si rimanda sempre tutto e spesso si diventa genitori all’età in cui si dovrebbe essere nonni buttando sui bambini troppe aspettative e nevrosi, troppi giochi, troppo potere, i bambini se la cavano per fortuna quasi  sempre.Dopo un po’ che giochi con loro, buttano via gli ammennicoli e ti chiedono di inventare, creare, giocare con niente se non con la testa, le mani ,le  braccia, le gambe, l’erba, l’acqua, quello che c ‘è insomma, a volte basta una pietruzza .

Provate a dire a un bambino “nella prossima ora facciamo tutto quello che vuoi” …provate , troverete delle sorprese.

Con questa magnifica foto scattata  da Gianni Berengo Gardin vi saluto.

calendario-FLOU-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.